News

IL RAGIONAMENTO CLINICO FISIOTERAPICO-RIABILITATIVO NELLE PROBLEMATICHE MUSCOLO-SCHELETRICHE>

Scritto da Compagnoni il 03 Feb 2012 - 09:563728

Ricercare la causa di una problematica fisica o di un dolore fisico in un paziente, da un ventennio a questa parte è divenuto necessario per pensare di affrontare con successo una patologia. Si è superata perciò l’idea che la sede di manifestazione del dolore sia la causa di esso. Logicamente si parla di tutte quelle problematiche riabilitative non direttamente riferite ad un trauma diretto (frattura, lussazione, distorsione …).

Archiviata in | Colonna Vertebrale

LA SPALLA DOLOROSA (PAIN SHOULDER)>

Scritto da Compagnoni il 25 Gen 2012 - 16:323282

Con la definizione “sindrome della spalla dolorosa”, non viene precisamente identificata una patologia, bensì un dolore alla spalla che si manifesta tendenzialmente a riposo, spesso irradiandosi al braccio e sempre con una limitazione funzionale dell’arto superiore progressivo e invalidante.

Archiviata in | Arti Superiori

RESPIRO E DOLORE>

Scritto da Compagnoni il 20 Gen 2012 - 15:461761

Riporto un articolo apparso su “Il fisioterapista” nr. 5 di Settembre-Ottobre 2011, dove uno studio del Dr. Zautra dimostra l’efficacia di un respiro lento sul miglioramento del dolore. Uno dei mezzi più efficaci e all’avanguardia in mio possesso oggi come fisioterapista per l’allenamento della respirazione, è sicuramente lo Spirotiger, l’origine del nome deriva proprio dal  “respiro della tigre”, che notoriamente effettua atti respiratori lentissimi e molto profondi”.  Questo studio dimostra proprio quanto è importante nel controllo del dolore, particolarmente quello cronico, fibromialgia, artrosi ecc., l’utilizzo della respirazione.

Archiviata in | Traumatologia dello Sport

ARTRITE, ARTROSI E I GRANDI DELLA STORIA:CRISTOFORO COLOMBO.>

Scritto da Compagnoni il 07 Gen 2012 - 21:352695

Come tutte le malattie anche quelle delle ossa e delle articolazioni, in particolare l’osteoartrosi, influenzano negativamente i comportamenti e la quotidianità del paziente. Tali effetti negativi divengono ancor più macroscopici e di effetto se riguardano personaggi famosi: l’artrosi di un condottiero influenzerà gli esiti di una battaglia o di una alleanza, quella di un pittore la tecnica e il contenuto dei suoi quadri e così via. Lo studio e la rivisitazione delle diagnosi di personaggi famosi formulate dei secoli scorsi, ci dà l’occasione di conoscere i mezzi di cui la medicina del tempo disponeva per "curare" dolori e infiammazioni. Un inedito viaggio nel passato e nel presente della medicina ortopedica e riabilitativa non priva di curiosità e sorprese.

Archiviata in | Colonna Vertebrale

IL NUOVO ANNO E' ALLE PORTE:>

Scritto da Compagnoni il 20 Dic 2011 - 21:381107

Paolo Compagnoni con lo staff di segreteria, Danila ed Emanuela e gli specialisti ortopedici, Dr Marino Archetti e Dr Nicola Firmo augurano a tutti i pazienti un sereno Natale e felice anno nuovo. Rimanete sempre in contatto attraverso il nostro sito per scoprire le novità e le innovazioni fisioterapiche e riabilitative che renderanno lo studio di Fisioterapia di Paolo Compagnoni sempre nuovo e all'avanguardia per il benessere del paziente!.


Archiviata in | Notizie Generiche

!!!! NEWS !!!! RAVENNA: “La Voce Artistica 2011".>

Scritto da Compagnoni il 01 Nov 2011 - 10:301666

Paolo Compagnoni insieme al collega fisioterapista Cesare Missiroli partecipano al Congresso Internazionale “La Voce Artistica 2011” a Ravenna.

Davanti ad una platea di 900 partecipanti, presentano in anteprima il “metodo Missiroli-Compagnoni”. La relazione ha suscitato grande interesse, confermato dall’affluenza al workshop pomeridiano (un centinaio di persone).

Un ringraziamento al Dr. Fussi per aver reso possibile la presentazione e per aver creduto nel metodo.

Archiviata in | Notizie Generiche

FIBROSITE O FIBROMIALGIA>

Scritto da Compagnoni il 14 Ott 2011 - 11:206294

  Il termine fibrosite  è stato coniato da William Gowers nel 1904. In un suo articolo sulle lombalgie ipotizzava che l’ origine del dolore consistesse in un’ infiammazione dei tessuti fibrosi e muscolari del rachide.  Stockman nel 1920 riscontrò istologicamente questa infiammazione. Nel 1972 Smythe propose altri criteri diagnostici,  col passare degli anni l’interesse per questa patologia aumentò, fino al 1981 con il primo gruppo di studio composto da 50 pazienti adulti e in seguito nel 1986 con un gruppo di 33 pazienti adolescenti. In Francia le pubblicazioni di Kahn   la ribattezzarono polientesopatia o sindrome polialgica idiopatica diffusa.

Archiviata in | Colonna Vertebrale

QUANDO CURARSI E’ UN LUSSO …..>

Scritto da Compagnoni il 16 Set 2011 - 11:412268
Vorrei sottoporre alla vostra attenzione e sensibilità un articolo diverso dal solito. Il contenuto riflette la problematica di fratture, di ustioni e di disabilità accentuate dalla condizione di ingiustizia e grande sofferenza. Nel mondo civilizzato al quale abbiamo la fortuna di appartenere, se subiamo un trauma o un incidente,abbiamo diritto alle cure ospedaliere, ad interventi chirurgici,a trattamenti riabilitativi e quando ciò non avviene critichiamo la “mala-sanità”. Inoltre le nostre condizioni economiche consentono di rivolgerci a professionisti di nostra fiducia, per avere prestazioni ad alto livello e selezionate. In altre parti del mondo questo non è possibile,come dimostra la lettura delle esperienze che leggerete di seguito. Un ringraziamento particolare a Teresa Paini (Missionaria della Comunità di Villaregia).
Archiviata in | Notizie Generiche

LE TENDINOPATIE: FISIOTERAPIA E RIABILITAZIONE>

Scritto da Compagnoni il 27 Apr 2011 - 09:541911

Per tendinopatia s’intende una sindrome (patologia) clinica che colpisce un tendine. E’ caratterizzata da dolore, tumefazione localizzata o diffusa e limitazione funzionale. Nella maggioranza dei casi la tendinopatia trova nel sovraccarico o nel “overuse” le cause principali scatenanti, perciò si avranno fenomeni acuti a carico dei tendini, ma come fattore predisponente sarà sempre presente una inevitabile degenerazione.

Archiviata in | Notizie Generiche

LA SINDROME DEL TUNNEL CARPALE (S.T.C.)>

Scritto da Compagnoni il 01 Apr 2011 - 08:593953
La Sindrome del Tunnel Carpale, è causata da una compressione da intrappolamento del nervo mediano all’interno del canale del carpo. Quest’ultimo, è un tunnel osteofibroso, ed è formato da un “pavimento” costituito dalle ossa del polso e da un “soffitto” costituito dal legamento palmare trasverso del carpo, o più specificatamente una espansione del retinacolo dei muscoli flessori.
Archiviata in | Arti Superiori
Prima pagina Pagina precedente Pagina 12 / 14 (111 - 120 di 135 Totale) Pagina successiva Ultima pagina
©2014 Compagnoni Paolo - Massofisioterapista - via E. Fermi, 28 - Gussago - (BS) • Cod. Fisc. CMPPLA64M06B157K - P.IVA 03265120174
É vietata qualsiasi riproduzione previa autorizzazione scritta, ogni violazione verrá perseguita legalmente secondo i termini prescritti dalla vigente legge italiana.
webdesign: WebService